Ritorna alla Home page Volo di RondineVolo di Rondine
in MALI



"I ni cè! I ka kenè?"
...ad ogni passo c'è un sorriso che chiede come stai...
NEWS & AGENDA CONTATTI
NATURA & EDUCAZIONE FOTO & ILLUSTRAZIONI AFRICA & MUSICA
Musica Tradizionale in Mali e i Griot

Menu:

Contatti

info (@) volodirondine.com

NOVITA'... tesseramento Assoc. Nanalé

 
Per riflettere:

Soundiata, l'imperatore mandingo ha detto: "Malinké evitate di far piangere i djelis, griots o djelis siate gli occhi, le orecchie, la bocca  del mandè". 

Il djeli (il sangue) è il solo a poter dire ciò che pensa il popolo, e ciò che deve fare il re.

Il djeli rappresenta un popolo che non può dire niente. 

Il djeli è ascoltato perchè lui conosce la storia, perchè lui conosce l'albero genealogico di tutte le famiglie.

-------------------

Il repertorio

del GRIOT

a) Canti magici o religiosi; 

b) Canti epico-storici e genealogici legati all´antico impero Mandingo;

c) Canti di lode, per il benefattore o mecenate dei griot presso la cui corte è offerta loro protezione;

d) Canti cerimoniali, festivi o rituali;

e) Proverbi, che trasmettono un aspetto della saggezza tradizionale.

Altre curiosità sui griot

su mali-music

------------------------

Links:

arrow ASSOCIAZIONEassociazione progetti in Mali

arrow PARTECIPA!

partecipa ai progetti in Mali

arrow ZamDé

musica africana in italia

Contatti:

info(at)volodirondine.com


ill titleLa Musica africana e i Griot

Indice
arrow Il Griot
arrow Gli strumenti musicali in Mali
arrow Costruzione degli strumenti tradizionali
arrow Viaggio in Mali speciale MUSICA
arrow Atelier GOLE' strumenti musicali tradizionali e corsi

arrow I gruppi musicali:

musica tradizionale africa mali griot in italia balafon kora urukundo musica fushion africana novi ligure
DEMBELE DJELI Zam Moustapha DEMBELE ZamDé
Segou, Mali PV, Italia /Ségou, Mali Novi Lgure, Italia
musica tradizionale
atelier di strumenti musicali
musica tradizionale con balafon, kora, n'goni
incontri/ lezioni di presentazione del griot e degli strumenti musicali
tanti strumenti per  una nuova musica fusion con radici africane


IL GRIOT

La musica non è solo un arte dei suoni, qui la musica porta la storia, i musicisti sono i detentoi della parola....

musica mali segou balaphon e koraIl GRIOT è il bardo, il cantastorie, che conosce le vicende antiche, le musiche per le cerimonie importanti e sa parlare e diffondere le informazioni tramite i canti e la musica.

 I GRIOTS, o DJELI in bambara, sono delle caste presenti in tutte le etnie dell'Africa Occidentale. Le famiglie di griot tramandano ai figli la storia degli antichi imperi e la musica. Si inizia a suonare giovanissimi, dai 3 anni, e pian piano si apprende anche la costruzione tradizionale degli strumenti. 

Sia uomini che donne possono essere dei griots, ma l'importante è la famiglia di origine. Alcuni cognomi nelle varie etnie identificano questa casta. 

kora bamako musica MaliNella famiglia di griot la musica è l'occasione per radunare il padre i figli ed i cugini e suonare, improvvisare testi, comporre, tradamandare e perfezionare gli strumenti.

Costruiscono gli strumenti procurandosi nei dintorni il legno adatto, oltre alle grandi mezze zucche svuotate (calebasse), chiodi, pelle e filo.

GLI STRUMENTI IN MALI

KORA - antico strumento melodico a 21 corde, disposte su due file, in accordatura diatonica, con una cassa di risonanza ricavata da una mezza zucca rivestita di pelle di vacca. Ricorda il suono magico dell'arpa e del liuto, ed è lo strumento principale del griot. 

BALAFON- uno xilofono con in genere 21  lamelle (cioè 3 scale, ma il numero può variare) di un sonoro legno rosso con venature bianche e profumato, chiamato Golé in lingua bambara (detto anche Guenì o Ngoni, in francese Vène e in inglese Woodrose o Padouk, il nome scientifico è Pterocarpus erinaceus). La ricerca dell'albero è difficile, devono cercarlo nella savana e prima di tagliarlo c'è un rito magico con un sacrificio di un pollo o di semi di cola per domandare il permesso all'albero Golé. La mia ricerca del nome scientifico di questo albero è stata altrettanto faticosa!!

Sotto ciascuna lama di legno, per creare la cassa di risonanza, è appesa una zucca tagliata. Le zucche sono tagliate in modo che producano la stessa nota della lama di legno soprastante. Quindi non solo amplificano, ma riproducono la stessa nota. Ogni zucca ha un piccolo forellino sul lato che è coperto da sottilissima plastica per dare un effetto di vibrazione al suono. Un tempo per questo uso era utilizzata la ragnatela,ora si preferisce la plastica frusicante, ma come colla si usa sempre una resina naturale. 

La base o cassa del balafon è in legno legata con pelle di vacca. Viene procurata la pelle intera e trattata con escrementi di pollo per conciarla e tagliarla in striscioline adatte alle legature. 

Le lame non appoggiano sulla base di legno ma sono sostenute sollevate da due corde molto tese. Ogni lama è legata all'altra tramite corde più sottili. Le famiglie Dembélé e Keita usano sempre corde nere per sostenere e bianche per legare le lame.

Ogni etnia ha il suo balafon con accordature diverse, pentatoniche o diatoniche, forme varie, da quasi piatto a completamente arcuato fino a formare una U. L'importante è che il suono si accordi con l'accento della lingua dell'etnia.

La famiglia Dembélé e Keita costruiscono balafon speciali, con un trattamento del legno che non varierà più la nota, particolarmente resistenti, con un timbro caldo e squillante ed un suono "pieno". Questo grazie anche al particolare trattamento di una settimana che viene fatto alle zucche, lavorate con acqua per una settimana, e soprattutto grazie alla particolare (e in parte misterioso) sistema di cottura al forno del legno.

balaphon musica Mali segou

KAMELE N'GONI- strumento che possiede una struttura simile alla kora, ma la zucca è più tonda (più di metà) e la pelle usata è quella di capra. Inoltre il numero di corde è inferiore e l'accordatura pentatonica. Le corde (in numero da 6 a 20 ma in genere tra 8 e 12), oggi di nylon, sono sempre disposte su due file e suonate con indice e pollice di entrambe le mani. Detta semplicemente n'goni, il vero nome di questo strumento è kamele n'goni, cioè la n'goni del giovane, per differenziarla dalla DONZON n'goni, del cacciatore, a sei corde e con uso diverso, propiziatorio.

kora musica Mali segou

DJELI N'GONI Esistono poi altri strumenti a corde molto più semplici che possiedono solo due, tre o quattro corde, vengono suonati in posizione da chitarra e modificando le note sul manico. La cassa di risonanza questa volta non è di zucca ma di legno (golé).  Mantengono lo stesso nome generico di n'goni.

n'goni touareg musica Mali

La melodia di balafon, kora e n'gonì è accompagnata dalle PERCUSSIONI 

come DJEMBE', DUN DUN, N'TAMANI o TAM TAM il tamburo da braccio, calebasse, DJ DUN, BARA'

.................................................................................................................

COSTRUZIONE DEGLI STRUMENTI TRADIZIONALI

Mi ha affascinato soprattutto la costruzione del balafon! Perchè i tasti (lamelle di legno) erano posizionati uno dopo l'altro semplicemente ad orecchio, e se uno dei tasti non era accordato o aveva un suono non perfetto veniva velocemente adattato grattando la parte posteriore con una piccola ascia.  In seguito si deve scegliere, sempre ad orecchio,  la zucca adatta da appendere sotto ogni lamella. Le zucchette, di dimensioni diverse, hanno un grande foro in alto e un piccolo forellino laterale che venivano coperti da uno strato sottile di plastica dei sacchetti, ma anche con tela di ragno.

Nell'atelier della nostra associazione si costruiscono gli strumenti tradizionali in maniera professionale per strumenti di alta qualità.. ma si costruisce anche lavoro e futuro 

ATELIER GOLE'

Balaphon musica Mali

.................................................................................................................

La MUSICA

DEMBELE DJELI - Ségou, Mali


Un gruppo di giovani griot di etnia Bobò. Ho avuto la fortuna di seguire la loro attività ed assitere ad alcuni loro bellissimi concerti in cui si resta affascinati dalla bravura tecnica e dal ritmo, oltre che dalla dolcezza delle voci e delle melodie:
n'goni e balaphon parlano la loro stessa lingua... 

dembele musica segou Mali

arrow QUI altro su DEMBELE DJELI: info, video, audio